top of page
  • Anna

Un sogno che si avvera: mappare i valori culturali dei fiumi del mondo

Vi ricordate il mio doppio sproloquio sul tentativo di ottenere riconoscimento per il mio lavoro?


Di recente ho vinto un progetto di 4 anni per early-career researchers (ricercatori giovini) da Formas per il mio progetto "Dar voce alle persone del luogo: mappare i valori culturali dei fiumi del mondo". Non potrei essere più felice!! È un grande risultato per tutti i ricercatori vincere un progetto di ricerca, ma lo è in modo particolare quando è in gioco la tua idea, il tuo stipendio, la tua indipendenza.


Cercherò di quantificare i valori culturali che legano i cittadini ai fiumi, per capire come il legame tra persone e fiumi possa fare da trazione per lo sviluppo sostenibile dei fiumi, facendo leva sul cambiamento sociale. In particolare, il progetto si propone di preparare una mappa dei valori dei fiumi del mondo, con l’aiuto delle persone che li conoscono e le comunità locali. Questo progetto è già iniziato nella mia testa molto tempo fa :) ma non vedo l'ora di raccontarvi di più.


Pochi giorni dopo aver saputo della borsa di studio, ho avuto modo di festeggiare con alcuni colleghi - nella foto, Louis (a sinistra) e Francisco (a destra) - in occasione di un evento per ricercatori stranieri presso il municipio di Stoccolma. Ci hanno ringraziato per aver portato la nostra scienza in Svezia. Eravamo molto felici: era la prima volta che venivamo ringraziati per aver girato il mondo!


Le cose cambiano rapidamente quando ottieni un progetto come questo. Arriva un posto fisso (tenure track, quindi non proprio fisso, ma per un ricercatore non è male), interesse da altri centri di ricerca (che improvvisamente vogliono che tu ti sposti a lavorare da loro) e puoi concentrarti sulla richiesta di finanziamenti per altri progetti. Ma in realtà, in termini di idee di ricerca e contenuti, sono quello che si dice una "scienziata indipendente" già da un po', solo che ero lì "a metà strada". Continuavo ad aver bisogno di finanziamenti esterni, e nel mio caso due straordinari scienziati che mi hanno aiutato a mantenere il mio lavoro mentre speravo di ottenere un progetto mio (grazie, Stefano e Gia).


Il lavoro che ho svolto fino ad ora nel Tagliamento è stato una solida base che mi ha permesso di sviluppare le idee in questo nuovo, ambizioso progetto sui river values. In termini di ricerca, i punti principali che ho contribuito alla scienza con questo "pre-studio" sono riassunti di seguito. Spero che questo riassunto aiuti a vedere quelle associazioni che si occupano del Tagliamento.


#1 - Una vittoria per il mio fiume del cuore


Nel mio primissimo lavoro sul fiume Tagliamento ho individuato per la prima volta la discrepanza tra quanto si parla sui giornali locali e quanto si fa ricerca sul fiume. Ho scoperto che c'è ben poco in termini di:

o ricerca sulle inondazioni (sia modellazione che socio-idrologia), con alcuni ottimi studi ma pochi nel complesso che potrebbero essere utilizzati per costruire un caso per alternative di gestione dei fiumi e delle inondazioni che includano la conservazione dei fiumi;

o sostenibilità e co-design di soluzioni che consentiranno di adattarsi ai cambiamenti climatici, la mia principale materia di studio.


Ovviamente ci ho subito messo lo zampino - vedi i prossimi due punti!



#2 - Inondazioni e natura


Il mio studio sulla percezione delle inondazioni e sulle mappe ufficiali delle inondazioni sottolinea che la consapevolezza e la preparazione devono essere migliorate, il che significa che spesso le persone non sanno cosa fare quando c'è un'inondazione.

Un sorprendente 82% degli intervistati ritiene che sia possibile ridurre il rischio di alluvione e preservare il fiume, "indicando la necessità di affrontare insieme la conservazione, la gestione del rischio e la pianificazione dell'uso del territorio al fine di sviluppare strategie di gestione del fiume orientate al rischio" (da Scaini et al., 2021, leggi di più qui).


"La maggior parte degli intervistati ritiene che la riduzione del rischio e preservare la naturalità del fiume siano compatibili" – Scaini et al., 2021

#3 - Cosa vogliono gli abitanti?


Nel mio lavoro su "Cosa vogliono gli abitanti", la conservazione del fiume è la prima priorità per i locali. Le persone hanno identificato le loro priorità per il fiume ed erano sorprendentemente simili tra loro, anche tra i vari portatori di interessi. I valori culturali hanno il potenziale per essere risolutori di problemi nel modo in cui il fiume viene gestito. Ciò richiede però una comunicazione più efficace, approcci collaborativi che coinvolgano gli utenti della conoscenza ben oltre la tipica (mal fatta) partecipazione che non è scientifica, nè è basata su dati e obiettivi chiari.


"Qualsiasi intervento sul fiume va ponderato attentamente tenendo conto del suo impatto ambientale anche in termini di perdita dei servizi culturali" – Scaini et al., 2022

#4 - Riparare i collegamenti collaborando


Il mio lavoro scientifico mette al centro divulgazione, comunicazione, e attività di citizen science. Fino ad ora ho lavorato in questa direzione principalmente nella mia regione d'origine, il Friuli Venezia Giulia. Sono molto grata per la rete di collaborazioni locali perché ha richiesto tempo ed energia per essere creata, ma anche perché so che c'è ancora molto da fare per riparare i legami interrotti tra scienza e mondo reale.


#5 - E adesso?


I prossimi passi includono casi di studio in giro per il mondo.

Per questo, sono felicissima di continuare le collaborazioni con le ONG CeVI e River Collective con cui avrò modo di confrontarmi per sviluppare idee condivise. Lavorerò anche nei fiumi in Svezia e non vedo l'ora di collaborare con molti dei miei colleghi del Dipartimento di geografia fisica. Anche i Balcani faranno parte dei miei prossimi passi, non appena sarà terminata la raccolta dati nel fiume Soca/Isonzo (piú info a breve!).


Ma questo significa anche che sarò in grado di andare avanti con i miei progetti, ora in gran parte nel "tempo libero", che coinvolgono divulgazione e comunicazione scientifica. I miei casi di studio includono il fiume dove tutto è iniziato, ovviamente... non prima di un po' di riposo durante le vacanze.


A presto, Tagliamento!


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page